Mini donuts alla piastra

image

Per Natale ci hanno regalato la piastra per cuocere le ciambelline a forma di cuore… Inutile dire che 20 minuti dopo aver scartato il regalo stavo già scartabellando su internet alla ricerca di qualche ricettina non troppo calorica ma stuzzicante ed eccola qui, opportunamente modificata a mio piacere:

Ingredienti per 2 infornate (15 ciambelline):
1 uovo
85 gr di farina
50 gr di zucchero
85 ml di latte
1 cucchiaio e mezzo di olio di semi
1/3 bustina di vanillina
5 gr di lievito (1/3 di bustina)

Oppure se optiamo per una dose massiccia:
3 uova
260 gr di farina
150 gr di zucchero
250 ml di latte
5 cucchiai di olio di semi
1 bustina di lievito
1 bustina di vanillina

Sbattere le uova con lo zucchero, poi aggiungere tutti gli altri ingredienti alternando latte e farina setacciata. Aggiungere per ultimo il lievito.
Scaldare la piastra e imburrare con un pennellino gli stampini, quindi versare il composto (piuttosto liquido) con un dosatore con il beccuccio e riempire fino quasi all’orlo. Chiudere e lasciare per circa 7 minuti.
Togliere dallo stampo a cottura ultimata e spolverare con zucchero a velo.

Vellutata ai finocchi

Il tuo fidanzato odia i finocchi? Ecco una ricettina da fare quando litigate!
Ingredienti:
400 ml di brodo
1 finocchio
1 formaggino

Mettere a bollire il brodo, quindi aggiungere il finocchio tagliato a dadini. Lasciar bollire per 5-10 minuti, quindi aggiungere il formaggino e farlo sciogliere. Spegnere e frullare tutto con il mixer.
Impiattare con dei crostini per zuppe o dadi di pane bruschettato in forno. Godersi la faccia del fidanzato quando vedrà la vellutata e gongolare.

Polpette del cavolo

Mezzo cavolo bollito
5 cucchiai di pangrattato
2 cucchiai di farina di mais fioretto
2 cucchiai di parmigiano grattugiato
Sale e olio per ungere la carta forno
Aglio granulare quanto basta per uccidere un vampiro, o comunque a vostra discrezione.

Sbollentare il cavolo per 15 – 20 minuti, e poi lasciarlo a scolare bene. Tritare con il mixer e poi aggiungere il pangrattato, la Farina di mais, il parmigiano, l’aglio e il sale. Formare delle palline e disporle su una teglia su cui avremo disposto un foglio di carta forno ben oleato.
Mettere in forno a 200 gradi per 35 minuti o comunque aspettare che si formi la crosticina. Eventualmente si possono cucinare anche in padella al posto del forno, per circa 5 minuti per lato.

Crepes alla nutella

Della serie “come farsi male in una tranquilla giornata di festa” vi proponiamo un leggerissimo dessert da realizzare insieme agli amici nel dopocena.

Ingredienti per 6 crepes:

250 gr di latte
125 gr di farina
2 uova
Mezzo cucchiaio di burro
Un pizzico di sale

Nutella a pacchi
Farina di cocco
Zucchero a velo

Sciogliere il burro nella crepiere. Mescolare le uova con la farina e il pizzico di sale, quindi aggiungere il latte a filo fino a quando non si otterrà un composto omogeneo. Aggiungere il burro che abbiamo sciolto e mescolare bene.
Versare quindi un mestolo di composto sulla crepiere calda che è stata imburrata e girarla con l’apposita paletta di legno quando inizierà a staccarsi dai bordi, controllando che il fondo sia ben dorato. Cuocere altri 2 minuti sull’altro lato e poi spostare su un piatto.
Condire nel modo che riterremo più opportuno sia dolce che salato.

In questo caso, per farsi male in modo corposo, mettere la nutella su metà crepe e una spolverata di cocco, chiudere in quattro e poi spolverare con un po’ di zucchero a velo.
Continuare facendo le restanti crepe senza ungere nuovamente la crepiere.

Degustare infine tutti insieme crogiolandosi nel piacere.

Zucca “negare l’evidenza”

Abbiamo una zucca ma non la accettiamo? Questa è la ricetta che fa per noi:

Ingredienti:
Zucca
Olio evo
Rosmarino
Sale

Tagliamo la zucca a dadini e facciamo finta che siano patate da fare al forno… Condiamola quindi con olio sale e rosmarino, versiamo tutto su una leccarda su cui abbiamo messo la carta forno e distanziamo i dadi affinché non risultino tutti appiccicati.
Inforniamo a 200 gradi fino a quando la zucca non risulterà cotta e un po’ abbrustolita.
Mangiamo quindi come contorno fingendo che siano patate 🙂

Torta rustica della pigrizia

Ci sono quei pomeriggi in cui ammazzeresti qualcuno pur di non uscire per andare a fare la spesa… e ieri era un giorno di questi!
Ho vagato in giro per la rete alla disperata ricerca della soluzione e con le adeguate rivisitazioni delle ricette per venire incontro alle esigenze del mio frigo ecco la torta salata che ne è uscita fuori:

Ingredienti:
Un rotolo di pasta sfoglia
2 uova
350 GR di ricotta
2 fettine di prosciutto cotto a pezzetti
2 wurstel grandi tagliati a dadini
50 GR di fontina tagliata a da doni
Un cucchiaio di parmigiano grattuggiato
Mezza tazzina di latte (ispirazione del momento)
Latte per spennellare i bordi
Un pizzico di pepe

Preparare una teglia tonda con il rotolo di pasta sfoglia posizionato all’interno. Sbattere le uova, aggiungere prima la ricotta e poi tutti gli altri ingredienti. Amalgamare bene e poi versare il composto sulla pasta sfoglia. Piegare bene i bordi della sfoglia verso l’interno e poi spennellarli con il latte.
Infornare a 200 gradi forno ventilato per 30 minuti o comunque fino a quando la parte superiore non risulti dorata.

P.S. le ricerche statistiche (di casa mia) rilevano che qualsiasi cibo “wurstel addicted” risulterà golosamente sfizioso e verrà sbranato a tavola in pochi minuti con somma soddisfazione dello chef.

Verdure gratinate di Benedetta

1 peperone rosso
2 carote
1 finocchio (o zucca, zucchine, cimette piccole di cavolfiori… quello che abbiamo in frigo insomma!)
1 melanzana
1 scalogno
erba cipollina
2 o 3 cucchiai di pangrattato
1 dl di olio extravergine
sale e pepe

Tagliare le verdure a tocchetti piccoli, metterle in una ciotola con olio sale pepe e mescolare. Aggiungere il pangrattato e amalgamare bene in modo che il pangrattato resti appiccicato alle verdure. Versare il tutto sulla placca del forno foderata con cartaforno e allargare delicatamente per non farle rimanere sovrapposte. Mettere in forno ventilato a 180-200° e cuocere per circa mezz’ora. Prima di servire cospargere con erba cipollina tagliata fine.

Zucchine semplicine e buonine

image

Come sempre cominciamo con tutto l’occorrente per 4 persone:
• 5 zucchine
• 70 gr di prosciutto cotto
• 200 gr di mozzarella
• 1 uovo
• 20 gr di parmigiano (2 cucchiai)
• sale e pepe
• 1 ora del vostro tempo

Ovviamente lavate e spuntate le zucchine, tagliatele a metà nel senso della lunghezza e svuotatele del ripieno che terrete da parte.

Mettete in una ciotola la polpa delle zucchine svuotate (ma solo metà dose), il prosciutto cotto e metà della mozzarella, (il tutto tagliato a dadini).
Aggiungere quindi l’uovo, il parmigiano, sale e pepe e mescolare il tutto.

Riempite le zucchine con il ripieno ottenuto e poi disponetele in una teglia con carta forno. Aggiungere una tazzina d’acqua sul fondo e infornate le zucchine a 200° ventilato per 30 minuti.

Ora tirate fuori le zucchine e mettete ci sopra le fettine di mozzarella tenute da parte e infornate nuovamente con opzione grill per altri 5 minuti.

A cottura ultimata, lasciate intiepidire le zucchine ripiene prima di toglierle dalla teglia e servirle in tavola.

Che bontà!

Pesto carote, mandorle e… AGLIO

image

Cominciamo col dire che la ricetta é per 4 persone.

Ora l’occorrente:
• 3 carote
• mezzo spicchio d’aglio senz’anima
• 2 cucchiai di mandorle sbucciate
• 5 cucchiai di parmigiano grattugiato

Metti un pentolino con acqua e quando bolle buttaci le carote per 5-6 min giusto per ammorbidirle.
Una volta pronte, spezzale in 2/3 parti con le mani e mettile in un mixer insieme a mandorle, parmigiano ed aglio dopodiché accendi e mixa il tutto fino ad ottenere una granulosità che ti soddisfa (a me piace molto granulosa). Una volta pronto il composto, lo metti in una ciotola e ci versi 2 cucchiai rasi di olio d’oliva e giri il tutto. Ricorda. Quando scoli la pasta usa un po’ d’acqua di cottura nel pesto per allungarlo (vai a gusto). Una volta impiattato aggiungi delle scaglie di Parmigiano per guarnire. That’s all. Facile no?

Buon appetito!!

Zucchine pangrattose

image

Mi hanno regalato svariati quintali di zucchine e quindi io e Lulu stiamo incamminandoci nell’inesorabile percorso che ci porterà a diventare zucchine noi stessi (si chiama inzucchinizzazione ed è una patologia alquanto complessa, specie per la gestione del concime… Ma questa mi sa che è un’altra storia ).
Abbiamo quindi rispolverato per l’occasione una ricettina che torna utile in questi casi:

Ingredienti:
5 zucchine
80 gr di pane grattugiato
1 spicchio d’aglio
Prezzemolo in dosi massicce (un mazzetto sarà sufficiente)
Olio extra vergine d’oliva

Sbollentare per circa 10 minuti le zucchine intere lavate e pulite o comunque fino a quando non risultano abbastanza morbide (Si potrebbe anche evitare, se non fosse per il fatto che se le metti direttamente in forno quando le mangi ti sembra di masticare una ciabatta… Sono gusti).
Intanto mettere nel mixer pangrattato, aglio, prezzemolo e un filo di olio e tritare per mescolare tutto per bene.
Scolare quindi le zucchine, tagliarle a metà e svuotarle un pochino con l’apposito attrezzo che non può mancare in ogni casa, quindi riempirle (senza esagerare con le quantità altrimenti poi diventa un po’ stoppaccioso) con il composto che abbiamo creato aiutandoci con un cucchiaino.
Infornare quindi nel forno caldo ventilato a 200 gradi per 20 minuti.
Mangiare tiepide per l’inzucchinizzazione ed attendere trepidanti la trasformazione.