Torta integrale alle carote

170 gr di carote
90 gr di olio di mais
130 (o 200?) di zucchero di canna
100 gr di farina integrale
50 gr di farina 00
2 cucchiai di fecola di patate
3 uova
1 bustina di lievito
un tocco di cannella
zucchero a velo
un pizzico di sale
20 ml di latte

Tritare le carote con il mixer e metterle da parte. Sbattere le uova con lo zucchero e poi aggiungere uno alla volta gli altri ingredienti lasciando per ultimi il lievito e a seguire le carote tritate.
Infornare in uno stampo ricoperto di carta forno e lasciare per circa 35 minuti a 180°.

Sfornare e decorare con zucchero a velo prima di servire.

Hamburger di fagioli

IMG_20130327_214145

Un barattolo di fagioli cannellini
1 carota
3 cucchiai di farina di mais fioretto
2 pomodori secchi
1/4 di cipolla
sale e olio qb

Pelare la carota e tagliarla a rondelle, metterle nel mixer insieme a fagioli, pomodori secchi e cipolla. Aggiungere la farina di mais e mescolare, quindi regolare di sale e aggiungere un goccio di olio.

Preparare gli hamburger o formare le polpette e farle rosolare 3-4 minuti per lato in una padella antiaderente con un goccio di olio. Servire con salsa barbecue, ketchup o salsa a scelta.

Torta integralosa alle pesche

Presa da una frenesia inarrestabile qualche giorno fa ho comprato un barattolo di pesche sciroppate, certa di avere tra le ricette della mia “to do list” una ricetta da provare.
Poi ovviamente quando sono tornata a casa e mi sono messa a spulciare tra le ricette non ho più trovato quella che mi aveva ispirato e quindi mi sono ritrovata (come spesso succede) a cercare qualcosa che mi fosse di ispirazione…
Questa volta avevo deciso che la torta doveva essere vegana e integrale… Vegana perché ogni volta che vado a mangiare in un ristorante vegetariano mi rendo conto di quanto siano buoni i dolci veg e che uova burro o latte sono veramente sostituibili facendo guadagnare di leggerezza a qualsiasi dolce… Integrale perché avevo deciso che la farina integrale sta bene con le pesche (e se decido una cosa nulla mi farà cambiare idea se non lo scontrarmi contro un muro….).
Insomma il risultato è stato una bella sorpresa perché mentre la facevo mi sono lasciata prendere un po’ la mano con le varianti delle varianti… Togli qui metti lì… E quindi alla fine ho temuto di non essere riuscita a dare equilibrio agli ingredienti. Colpo di scena dopo cena invece, è stata apprezzata da tutti!
Soffice, non troppo alta (ma ho usato una teglia molto grande) ben asciutta dove c’è la farina ma con la giusta umidità creata dalle pesche… Da rifare insomma!

image

Ingredienti:
150 gr di farina integrale
150 gr di farina di farro
150 gr di zucchero di canna
300 ml di sciroppo del barattolo di pesche sciroppate
Pesche sciroppate tagliate a pezzettoni
55 gr di olio di mais
Buccia di un limone
Succo di mezzo limone
50 ml di latte (o normale oppure di soia o riso)
2 cucchiai di maizena
50 gr di noci tritate
1 bustina di lievito
Per chi piace si può aggiungere un pizzico di cannella ma io ho fatto senza.

Mescolare le due farine con lo zucchero e la maizena, poi incorporare tutti gli altri ingredienti lasciando per ultimi il lievito e le pesche.
Oliare ed infarinare una teglia (ho preferito questo piuttosto che la carta forno perché a volte i composti troppo umidi con la frutta rimangono troppo bagnati se uso la carta forno) e versare il composto. Versare sopra un po’ di zucchero normale o di canna per far si che si crei una crosticina caramellata sopra, quindi infornare per 45 minuti in forno a 180 gradi con calore solo sotto.
Fare la prova stecchino ed eventualmente tenere altri 5 minuti in forno.

Goduriosissimo!!! Alla faccia dei dolci con le uova!

Cosce di pollo al forno

Ingredienti per 2 persone:
4 cosce di pollo
Aromi per arrosto
Olio evo
Vino bianco

Togliere la pelle alle cosce di pollo e lasciarle insaporire nel vino e aromi per almeno un’ora.
Accendere il forno a 240 gradi con fuoco sopra e sotto, mettere poi le cosce sulla teglia ricoperta di cartaforno e aggiungere il vino insaporito con gli aromi. Infornare per circa un’ora e girare a metà cottura.