Torta Barozzi

​La Torta Barozzi è un dolce tipico della cucina emiliana, in particolare di Vignola. L’ho scoperto in una puntata di 4 ristoranti di Alessandro Borghese, e già l’ho rifatta un paio di volte perché é stata molto apprezzata e mi é stato chiesto un bel bis.

É una torta semplice, senza farina e senza lievito, che va cotta in uno stampo rettangolare e ovviamente rimane bassa non contenendo lievito.Viene avvolta quando é fredda nella carta stagnola, per poi tagliarla in quadratini quando si mangia.

Ingredienti per 6 persone:

80 gr burro (io di soia)
150 gr zucchero
4 uova
250 gr cioccolato fondente
60 gr arachidi non salati 
40 mandorle pelate
2 cucchiai caffè in polvere 
1 bicchierino di rum

Tritare le arachidi e le mandorle insieme.
Far fondere a bagnomaria il cioccolato con il burro e montare a neve ferma gli albumi. A parte, montare lo zucchero con i tuorli.
Unire poi le arachidi tritate, il caffè, il rum e mescolare.
Alla fine aggiungere il cioccolato fuso con il burro e mescolare. Incorporare gli albumi, mescolando delicatamente con movimenti dall’alto verso il basso.
Versare l’impasto in uno stampo rettangolare foderato con carta forno. Far cuocere a 180 °C per 30 minuti.

Annunci

Ciambelline soffici vegan

Questa ricetta tratta da un recente numero di Vegan Life era per mini plumcake ma devo dire che anche in versione ciambelline é davvero buonissima e rallegra la colazione!
É una ricetta velocissima….provare per credere…

Ingredienti:

150 gr zucchero di canna

300 gr farina 00 (io 0)

150 gr yogurt di soia

150 gr bevanda di soia

15 gr Semi di chia

1/2 bustina di lievito

100 gr olio di mais

Per la versione al cacao aggiungere:

2 cucchiaini di zucchero

2/3cucchiai di cacao amaro

1tazzina di latte vegetale

Accendere il forno a 180 gradi.

Mescolare gli ingredienti e riempire gli stampini di carta o di silicone.

Cuocere per 15/20 minuti.

Servire con un filo di malto d’orzo o con zucchero a velo spolverate sopra.

Biscotti furbi alla banana e avena

Questa é una ricetta non ricetta… nel senso che non ci sono dosi ma va tutto “a piacere”. Ottima per riciclare le banane trattate male, cioè quando diventano troppo mature e non le vuole più nessuno.
La ricetta base è solo di 2 ingredienti, banana e avena, ma poi ovviamente ci sono le varianti e quindi possiamo metterci gocce di cioccolato, scaglie di cocco, mirtilli secchi o frutta secca, cannella, vaniglia… insomma le varianti sono infinite!

Io avevo due versioni di avena e le ho usate entrambe, ma i fiocchi d’avena normali vanno benissimo comunque. Questa versione inventata sul momento si é rivelata golosissima (nonché sanissima):

Ingredienti per 7-8 biscotti:

1 Banana matura
Fiocchi d’avena mignon
Fiocchi d’avena tostati
Gocce di cioccolato
Cocco rapè

Schiacciare la banana con una forchetta e poi aggiungere i due tipi di fiocchi d’avena in quantità sufficiente per rendere il composto lavorabile con le mani ma non troppo asciutto. Aggiungere 1 o 2 cucchiai di cocco rapé e le gocce di cioccolato.

Formare con le mani dei biscotti un po’ schiacciati e poi metterli in una teglia su un foglio di carta forno. Infornare a 180 gradi per 12-15 minuti o comunque al raggiungimento della consistenza desiderata.

Far raffreddare e servire.

 Si possono conservare in un contenitore di latta, ma tanto non ci arrivano e finiscono prima!

Muffin cioccolatosi vegan extrafondenti

Da tempo cercavo una ricetta di muffin vegani cioccolatosi e soffici come le ricette tradizionali e finalmente l’ho trovata sul bellissimo blog www.sugarless.it
image

Ingredienti per una teglia da 12 muffin:

150gr di farina 0
30gr di cacao amaro
20gr di farina di castagne
130gr di zucchero di canna
220ml di latte di soia
50 ml di olio di semi
1\2 cucchiaino di vaniglia
1\2 bustina di lievito in polvere
70gr di gocce di cioccolato.

Mescolare e setacciare farina, cacao e farina di castagne. Aggiungere lo zucchero, la vaniglia, 3/4 di gocce di cioccolato e infine il lievito setacciato. Mescolare bene e poi aggiungere il latte e l’olio. Amalgamare con una frusta e poi versare l’impasto nei pirottini. Aggiungere su ciascuno delle gocce di cioccolato e poi infornare a 180 gradi (forno statico con calore solo dal basso) per 25 minuti.
Golosi, soffici e belli alti, non fanno affatto rimpiangere quelli tradizionali, anzi! Una garanzia!!!
Per una piacevole variante aggiungere nell’impasto dei pezzetti di pera.

Peschette finte all’alchermes

Da tipo avevo in mente di provare a fare le mini peschette all’alchermes perché quando le vedo in pasticceria sembrano così invitanti! Sono piccole e sfiziose!
image

Ingredienti per circa 10/12 peschette:
170 gr Farina 
60 gr Zucchero
35 gr Burro
1 Uovo
1/3 di bustina di lievito in polvere 
Latte circa 2 cucchiai
Scorza grattugiata di 1/4 di limone

Porre nella ciotola del robot la farina, il lievito, la vanillina, lo zucchero, il sale, il burro a temperatura ambiente e l’ uovo. Impastare il tutto aggiungendo tanto latte quanto ne servirà per ottenere un impasto piuttosto morbido ma lavorabile con le mani.

Prelevare un po’ di impasto e formare delle palline da adagiare su di una teglia foderata con carta forno, distanziandole di qualche cm.
Infornare le palline a 180° per circa 15-20 minuti ma non far asciugare troppo. Con la cottura diventeranno semisfere.
Quando si sono raffreddate, mettere su una delle due semisfere un po’ di crema spalmabile al cioccolato, poi unirne due insieme. Immergere velocemente le pesche dentro l’alchermes e poi passarle nello zucchero. Porre le finte pesche in frigorifero per almeno un’ora, ma ancora meglio aspettare il giorno dopo per gustarle.

Torta Sacher 

Appena ho visto questa ricetta su Internet ho deciso che avrei dovuto provarla alla prima occasione ed è stato veramente un successone… sicuramente richiede un po’ di tempo in più rispetto alle solite torte ma il procedimento non é difficile e ne vale davvero la pena…
image

Dosi per uno stampo di 20 cm:
Per la base:
75 g di cioccolato fondente al 55%
65 g di burro (io vegetale)
20 g di zucchero a velo
3 uova, i tuorli separati dagli albumi
90 g di zucchero semolato
65 g di farina
1 pizzico di sale
1/2 bustina di lievito se serve (mia versione)

Per la farcia:
150 g di marmellata di albicocche o ulteriore ganache

Per la ganache (dimezzare la dose):
250g di panna
375 g di cioccolato fondente al 55%

Dosi alternative per utilizzare una tortiera da 25 cm:
4 uova
100 gr di cioccolato fondente al 55%
87 gr di burro vegetale
26 gr zucchero a velo
120 gr zucchero
86 gr di farina
1 pizzico di sale
1 bustina di lievito se serve (mia versione)

Preparazione
Fondere a bagnomaria il cioccolato spezzettato. Tenere da parte e fare raffreddare.
Montare, con le fruste elettriche, del burro con lo zucchero a velo e il pizzico di sale, quindi unire i tuorl leggermente sbattuto a filo.
Montare a neve ferma gli albumi con i 90 gr di zucchero semolato (io generalmente li monto da soli).
Incorporare delicatamente il cioccolato tiepido al composto con movimenti dal basso verso l’alto. Infine, sempre con movimenti dal basso verso l’alto, aggiungere gli albumi montati a neve.

Unire la farina setacciata (eventualmente in casi estremi aggiungere una bustina di lievito), con movimenti dal basso verso l’alto, delicatamente.

Ungere uno stampo rotondo e versare il composto, senza livellare con una spatola nè sbattere.
Infornare a 170° per 30/35 minuti e togliere dal forno.

Preparare intanto la ganache:
Ne sarà sufficiente la metà rispetto alle dosi indicate ma Knam consiglia queste dosi per avere un effetto lucido, per poi usare la ganache rimanente in altre preparazioni. Io comunque ho fatto metà dose ed é avanzata, e il risultato in ogni caso mi é sembrato soddisfacente.

Preparazione:
Tritare a piccoli pezzi il cioccolato con un coltello da cucina.
Mettere a scaldare la panna fino a bollore. Aggiungere quindi, fuori dal fuoco, il cioccolato tagliato a piccoli pezzi e girare fino a che non non si sarà sciolto completamente.
Tagliare la torta fredda in due parti. Farcire la metà inferiore della torta con due o tre cucchiaiate di marmellata di albicocche.
Unire le due metà e mettere la torta su una gratella situata sopra una grande piatto (per raccogliere la ganache in eccesso che scivolerà giù dai lati)
Rovesciare generosamente la ganache sulla torta fredda, livellando poi velocemente con una spatola.
I più impavidi possono decorare mettendo la ganache in un cono di carta forno e scrivere sopra la superficie la parola “Sacher”.

Conservare in frigo e servire accompagnata da panna montata leggermente zuccherata.

Muffin vegani all’acqua calda con cocco, cannella e gocce di cioccolato

Buonissimi e golosissimi… Nessuno ci crede quando dico che sono vegani e fatti con l’acqua calda!
image

Ingredienti per circa 9 muffin:

150 gr farina integrale
100 gr farina di cocco
120 gr di zucchero di canna
60 gr olio di mais
150 gr circa di acqua calda
6 gr di cremor tartaro o lievito per dolci
1 cucchiaino di bicarbonato
1/2 cucchiaino di cannella (secondo i gusti)
2 manciate di gocce di cioccolato

Mescoliamo tutti gli ingredienti solidi (e spolverizziamo bene con un colino sia il lievito che il bicarbonato), poi aggiungiamo l’olio e l’acqua calda necessaria per creare un composto morbido ma non troppo liquido (serviranno circa 150 gr).
Versiamo a cucchiaiate nei pirottini e poi mettiamo sopra ciascuno qualche goccia di cioccolato.
Inforniamo al livello più alto del forno a 180 gradi per 20-25 minuti, in forno statico con calore solo da sotto.
Controlliamo la cottura con uno stuzzicadenti.
Quando sono freddi o comunque prima di servirli spolveriamo sopra ciascuno zucchero a velo e cannella.

Muffin al doppio cioccolato di Nigella

Nigella è sempre una garanzia!!!
image

Ingredienti (per 12/13 pezzi):
2 tazze di farina (circa 250 gr)
2 cucchiaini di lievito
2 cucchiai di cacao amaro
1/2 cucchiaino di bicarbonato
2 tazze scarse di zucchero (circa 175 gr)
1 tazza scarsa di gocce di cioccolato (150 gr)
1 tazza di latte (circa 250 ml), io di soia
1 tazza scarsa di olio di semi (90 ml circa)
1 cucchiaino di essenza di vaniglia
1 uovo

Mescolare insieme gli ingredienti solidi. Sbattere gli ingredienti liquidi e poi versarli su quelli solidi mescolando grossolanamente con un cucchiaio.
Non mescolare troppo perché se il composto rimarrà grumoso è meglio, in quanto i muffin risulteranno più soffici.
Versare a cucchiaiate il composto negli stampini per muffin riempiendoli per 3/4.
Cuocere per 20 minuti a 200 gradi.

Double Chocolate Chip Cookies

image

Questo è uno di quei comfort food che ognuno dovrebbe avere in casa al momento del bisogno… Portano via ogni tristezza!!!
La ricetta originale è di Alessandro Borghese, ma io ho modificato mettendo farina integrale, zucchero di canna e burro di soia.

Ingredienti:
200 gr cioccolato fondente
2 generose manciate di gocce di cioccolato
125 gr burro di soia
1 uovo
150 gr zucchero di canna
150 gr farina integrale
5 gr lievito
Vanillina

Sciogliere il burro e il cioccolato in un pentolino e far un po’ raffreddare.
Mescolare l’uovo con lo zucchero, poi aggiungere il cioccolato sciolto con il burro.
Aggiungere mescolando bene la farina, quindi ultimare aggiungendo vanillina e lievito.
Prendere delle cucchiaiate del composto e spalmarle bene sulla carta forma per formare dei biscotti ben distanziati, poi infornare a 180-200 gradi per 9 minuti a forno ventilato.

Ciambellone vegano alle nocciole e carote

Questa ricetta salta fuori dal libro “Tesoro salviamo i ragazzi” di Marco Bianchi: un interessante libro pubblicato a seguito del successo del programma televisivo di sky.
É uscito fuori un ciambellone gustoso e diverso dal solito!

Ingredienti:
150 gr di farina 0
100 gr di farina integrale (o di grano saraceno)
100 gr di zucchero integrale di canna
50 gr di olio di girasole
250 ml circa di succo di carota
200 gr di nocciole pelate e tritate
3 carote grattugiate
100 gr di cioccolato fondente
Buccia di un limone grattugiata
1 bustina di lievito
Spezie (Cannella e noce moscata)

Mescolare in una ciotola le farine, zucchero, lievito, buccia di limone, spezie. Aggiungere olio e poi succo di carota quanto basta affinché il composto risulti morbido.
Incorporare le nocciole tritate, le carote e il cioccolato fondente tagliato a pezzetti.
Oliare uno stampo a ciambella, coprire con un po’ di pane grattugiato e versare sopra l’impasto.
Infornare a 180 gradi per 40 minuti circa.