Biscotti Speculoos

Dovendo finire una confezione di burro vegetale ho provato a fare questi biscotti di cui mi ero innamorata in una vacanza in Grecia…

La ricetta é semplice e i biscotti sono buonissimi e fragranti e hanno quell’aria natalizia che invoglia a mangiarli con una bella tazza di tè speziato…

 

Ingredienti:

180 gr di Farina 0 o di farro 

75 gr di Burro vegetale o olio di girasole

130 gr Zucchero di canna integrale

5 gr di Bicarbonato 

1 cucchiaino di cannella

Zenzero in polvere qb 

20 gr circa di latte vegetale 

Impastare insirmevtutti gli ingredienti, poi formare una palla e lasciar riposare 30 minuti in frigorifero.

Poi prendere l’impasto e formare i biscotti della forma che si preferisce. Infornare per 7-9 minuti.

Far raffreddare su una gratella e poi conservare una volta freddi in un barattolo.

Annunci

Torta Barozzi

​La Torta Barozzi è un dolce tipico della cucina emiliana, in particolare di Vignola. L’ho scoperto in una puntata di 4 ristoranti di Alessandro Borghese, e già l’ho rifatta un paio di volte perché é stata molto apprezzata e mi é stato chiesto un bel bis.

É una torta semplice, senza farina e senza lievito, che va cotta in uno stampo rettangolare e ovviamente rimane bassa non contenendo lievito.Viene avvolta quando é fredda nella carta stagnola, per poi tagliarla in quadratini quando si mangia.

Ingredienti per 6 persone:

80 gr burro (io di soia)
150 gr zucchero
4 uova
250 gr cioccolato fondente
60 gr arachidi non salati 
40 mandorle pelate
2 cucchiai caffè in polvere 
1 bicchierino di rum

Tritare le arachidi e le mandorle insieme.
Far fondere a bagnomaria il cioccolato con il burro e montare a neve ferma gli albumi. A parte, montare lo zucchero con i tuorli.
Unire poi le arachidi tritate, il caffè, il rum e mescolare.
Alla fine aggiungere il cioccolato fuso con il burro e mescolare. Incorporare gli albumi, mescolando delicatamente con movimenti dall’alto verso il basso.
Versare l’impasto in uno stampo rettangolare foderato con carta forno. Far cuocere a 180 °C per 30 minuti.

Porridge di avena con frutta di Colin Campbell

Avevo spesso sentito parlare del porridge ma non avevo mai avuto il coraggio di farlo, poi iniziando ad avere l’esigenza di colazioni meno dolci mi sono cimentata in questa facilissima ricetta ed ho scoperto un mondo!

É una ricetta molto semplice e veloce, ed essendo calda é un’ottima colazione invernale.

La ricetta é della famiglia Campbell (The China Study), io in questo caso ho aggiunto un pizzico di cannella e devo dire che ci sta benissimo!!!

Ingredienti per 1 persona (abbondanti):

250 ml di acqua (io 200)
100 gr di fiocchi d’avena tradizionali (io 65)
40 gr di uvetta (io 20)
50 gr di mirtilli
75 gr di fragole tagliate a pezzetti
1 kiwi tagliato a fettine
1/2 banana tagliata a pezzetti
1/2 cucchiaino di sciroppo d’acero
1/2 cucchiaino di farina di semi di lino (facoltativo)
1 cucchiaino di noci (facoltativo)

Portare ad ebollizione l’acqua, aggiungere l’aveva e l’uvetta e mescolare. Cuocere fino a far addensare tutto (2-3 minuti).
Aggiungere gli altri ingredienti, poi versare in una ciotola e gustare, eventualmente aggiungendo poco latte vegetale .

Si può sostituire il tipo di frutta in base alle proprie preferenze, in questo caso ho scelto uva, mandorle ed un pizzico di cannella.

Gaufres di avena senza burro

Waffle, goffre o ferratelle… questo é il dilemma!!!

Queste gaufres non hanno nulla da invidiare a quelli pieni di burro e sono golosissimi!!!
Ingredienti per 3 persone:

1 uovo
100 gr di farina 0
50 gr farina di avena
1/2 bustina di lievito in polvere
1/2 cucchiaio di zucchero
1 pizzico di sale integrale
20 cl di latte

Sbattere l’uovo e poi aggiungere uno alla volta gli altri ingredienti sbattendoli con la frusta.
Senza bisogno di far riposare il composto iniziare subito a cuocere i gofre nell’apposito stampo.
Accompagnare con sciroppo d’acero, marmellata o cioccolato.

Biscotti furbi alla banana e avena

Questa é una ricetta non ricetta… nel senso che non ci sono dosi ma va tutto “a piacere”. Ottima per riciclare le banane trattate male, cioè quando diventano troppo mature e non le vuole più nessuno.
La ricetta base è solo di 2 ingredienti, banana e avena, ma poi ovviamente ci sono le varianti e quindi possiamo metterci gocce di cioccolato, scaglie di cocco, mirtilli secchi o frutta secca, cannella, vaniglia… insomma le varianti sono infinite!

Io avevo due versioni di avena e le ho usate entrambe, ma i fiocchi d’avena normali vanno benissimo comunque. Questa versione inventata sul momento si é rivelata golosissima (nonché sanissima):

Ingredienti per 7-8 biscotti:

1 Banana matura
Fiocchi d’avena mignon
Fiocchi d’avena tostati
Gocce di cioccolato
Cocco rapè

Schiacciare la banana con una forchetta e poi aggiungere i due tipi di fiocchi d’avena in quantità sufficiente per rendere il composto lavorabile con le mani ma non troppo asciutto. Aggiungere 1 o 2 cucchiai di cocco rapé e le gocce di cioccolato.

Formare con le mani dei biscotti un po’ schiacciati e poi metterli in una teglia su un foglio di carta forno. Infornare a 180 gradi per 12-15 minuti o comunque al raggiungimento della consistenza desiderata.

Far raffreddare e servire.

 Si possono conservare in un contenitore di latta, ma tanto non ci arrivano e finiscono prima!

Muffin cioccolatosi vegan extrafondenti

Da tempo cercavo una ricetta di muffin vegani cioccolatosi e soffici come le ricette tradizionali e finalmente l’ho trovata sul bellissimo blog www.sugarless.it
image

Ingredienti per una teglia da 12 muffin:

150gr di farina 0
30gr di cacao amaro
20gr di farina di castagne
130gr di zucchero di canna
220ml di latte di soia
50 ml di olio di semi
1\2 cucchiaino di vaniglia
1\2 bustina di lievito in polvere
70gr di gocce di cioccolato.

Mescolare e setacciare farina, cacao e farina di castagne. Aggiungere lo zucchero, la vaniglia, 3/4 di gocce di cioccolato e infine il lievito setacciato. Mescolare bene e poi aggiungere il latte e l’olio. Amalgamare con una frusta e poi versare l’impasto nei pirottini. Aggiungere su ciascuno delle gocce di cioccolato e poi infornare a 180 gradi (forno statico con calore solo dal basso) per 25 minuti.
Golosi, soffici e belli alti, non fanno affatto rimpiangere quelli tradizionali, anzi! Una garanzia!!!
Per una piacevole variante aggiungere nell’impasto dei pezzetti di pera.

Biscotti integrali zenzero e cannella

In vacanza in Grecia un paio di anni fa avevo trovato dei biscottini speziati fantastici da cui ero diventata dipendente… ho provato a cercare qualcosa di simile in giro per la rete e ho trovato questa ricetta su ricettepertutti.
L’ho un po’ modificata, sono proprio i biscotti speziati che adoro!

image

Ingredienti:
250 grammi di farina integrale
45 ml di olio di semi di girasole
80 grammi di zucchero di canna integrale mascobado
1/2 cucchiaino di cannella
1/2 cucchiaino di zenzero
un pizzico di sale marino integrale
1/2 bicchiere di latte di avena
1/2 cucchiaino di ammoniaca per dolci

Mescolare la farina, il sale, lo zucchero di canna, la cannella e lo zenzero. Aggiungere l’olio e, gradualmente, il latte quanto basta per rendere il composto lavorabile. Impastare per bene, avvolgere la palla nella pellicola e lasciarla in frigorifero per circa 30 minuti.
Stenderla con il mattarello aiutandosi con un po’ di farina di riso e con gli stampini creare i biscotti. Posizionarlo su una teglia con la carta da forno e farli cuocere per 10 minuti circa a 180°. 

Frolla di Marco bianchi per crostata o biscotti

Questa crostata ha proprio la consistenza che adoro, friabile e consistente (anzi io l’ho tenuta qualche minuto in più in forno proprio per farla diventare ancora più dura…), non molliccia come spesso accade. Pensare che fino a qualche anno fa non pensavo che si potesse fare una crostata senza burro…
Questo é l’ultimo pezzo che sono riuscita a fotografare al volo prima che venisse addentato…
image

Ingredienti:

250g di farina di tipo 2
80g di zucchero di canna integrale (meglio se velo o Mascobado polverizzato)
60g di acqua fredda
60g di olio di girasole
1 cucchiaino di lievito per dolci
Scorza di limone

Come prima cosa sciogliere lo zucchero nell’acqua, quindi aggiungere l’acqua zuccherata alla farina con lievito, aggiungere olio e scorza di limone quindi mescolare bene. Creare un impasto liscio e farlo riposare per circa un’ora in frigorifero.
Stendere la frolla, ricavarne dei biscotti/crostata/fagottini  e quindi cuocere in forno a 180° per 30/40 minuti (modalità forno statico).

Torta Sacher 

Appena ho visto questa ricetta su Internet ho deciso che avrei dovuto provarla alla prima occasione ed è stato veramente un successone… sicuramente richiede un po’ di tempo in più rispetto alle solite torte ma il procedimento non é difficile e ne vale davvero la pena…
image

Dosi per uno stampo di 20 cm:
Per la base:
75 g di cioccolato fondente al 55%
65 g di burro (io vegetale)
20 g di zucchero a velo
3 uova, i tuorli separati dagli albumi
90 g di zucchero semolato
65 g di farina
1 pizzico di sale
1/2 bustina di lievito se serve (mia versione)

Per la farcia:
150 g di marmellata di albicocche o ulteriore ganache

Per la ganache (dimezzare la dose):
250g di panna
375 g di cioccolato fondente al 55%

Dosi alternative per utilizzare una tortiera da 25 cm:
4 uova
100 gr di cioccolato fondente al 55%
87 gr di burro vegetale
26 gr zucchero a velo
120 gr zucchero
86 gr di farina
1 pizzico di sale
1 bustina di lievito se serve (mia versione)

Preparazione
Fondere a bagnomaria il cioccolato spezzettato. Tenere da parte e fare raffreddare.
Montare, con le fruste elettriche, del burro con lo zucchero a velo e il pizzico di sale, quindi unire i tuorl leggermente sbattuto a filo.
Montare a neve ferma gli albumi con i 90 gr di zucchero semolato (io generalmente li monto da soli).
Incorporare delicatamente il cioccolato tiepido al composto con movimenti dal basso verso l’alto. Infine, sempre con movimenti dal basso verso l’alto, aggiungere gli albumi montati a neve.

Unire la farina setacciata (eventualmente in casi estremi aggiungere una bustina di lievito), con movimenti dal basso verso l’alto, delicatamente.

Ungere uno stampo rotondo e versare il composto, senza livellare con una spatola nè sbattere.
Infornare a 170° per 30/35 minuti e togliere dal forno.

Preparare intanto la ganache:
Ne sarà sufficiente la metà rispetto alle dosi indicate ma Knam consiglia queste dosi per avere un effetto lucido, per poi usare la ganache rimanente in altre preparazioni. Io comunque ho fatto metà dose ed é avanzata, e il risultato in ogni caso mi é sembrato soddisfacente.

Preparazione:
Tritare a piccoli pezzi il cioccolato con un coltello da cucina.
Mettere a scaldare la panna fino a bollore. Aggiungere quindi, fuori dal fuoco, il cioccolato tagliato a piccoli pezzi e girare fino a che non non si sarà sciolto completamente.
Tagliare la torta fredda in due parti. Farcire la metà inferiore della torta con due o tre cucchiaiate di marmellata di albicocche.
Unire le due metà e mettere la torta su una gratella situata sopra una grande piatto (per raccogliere la ganache in eccesso che scivolerà giù dai lati)
Rovesciare generosamente la ganache sulla torta fredda, livellando poi velocemente con una spatola.
I più impavidi possono decorare mettendo la ganache in un cono di carta forno e scrivere sopra la superficie la parola “Sacher”.

Conservare in frigo e servire accompagnata da panna montata leggermente zuccherata.

Torta sbriciolata alle pesche

image

Ingredienti :
150 gr farina 0
150 gr farina integrale
80 gr zucchero di canna
80 gr olio di girasole
3 tuorli d’uovo
1 uovo intero
mezza bustina di lievito per dolci
buccia di limone o mezzo bicchierino di limoncello
mezzo barattolo di marmellata di pesche.

Inserire tutti gli ingredienti nella ciotola della planetaria e lavorare fino ad otterrere un composto sbriciolato.
Mettere un foglio di carta forno in una tortiera da 26 cm, oliare il foglio e distribuire sopra metà del composto schiacciandolo con un cucchiaio per compattare l’impasto.
Spalmare sopra la confettura e infine distribuire sopra l’impasto rimanente. Cuocere a 180 gradi per circa 35 minuti.